Stretch Con Jeans Giovane Multi Fit Distrutti Cargo Uomo Da Pantaloni Biker pocket Pants Camo Dunkelgrün Denim 7xSTqxw4 Stretch Con Jeans Giovane Multi Fit Distrutti Cargo Uomo Da Pantaloni Biker pocket Pants Camo Dunkelgrün Denim 7xSTqxw4 Stretch Con Jeans Giovane Multi Fit Distrutti Cargo Uomo Da Pantaloni Biker pocket Pants Camo Dunkelgrün Denim 7xSTqxw4 Stretch Con Jeans Giovane Multi Fit Distrutti Cargo Uomo Da Pantaloni Biker pocket Pants Camo Dunkelgrün Denim 7xSTqxw4 Stretch Con Jeans Giovane Multi Fit Distrutti Cargo Uomo Da Pantaloni Biker pocket Pants Camo Dunkelgrün Denim 7xSTqxw4 Stretch Con Jeans Giovane Multi Fit Distrutti Cargo Uomo Da Pantaloni Biker pocket Pants Camo Dunkelgrün Denim 7xSTqxw4
Connettiti con noi
Enzo Rip Repair amp; nbsp;super Ez361 Skinny Mid Stone Denim Uomo Fit Wash Pantaloni Jeans Stretch 8qnpYxHWd

Calcio

Stretch Con Jeans Giovane Multi Fit Distrutti Cargo Uomo Da Pantaloni Biker pocket Pants Camo Dunkelgrün Denim 7xSTqxw4

Published

on

Avrebbe compiuto oggi 105 anni Josef Bican, un nome che potrebbe non dire nulla, ma che in realtà rappresenta il più grande marcatore della storia del calcio. La sua gloriosa storia venne dimenticata per colpa della guerra. Ve la raccontiamo.

Ho sentito molte volte la teoria secondo la quale era più facile segnare ai miei tempi. Ma le occasioni erano le stesse anche cento anni fa  e saranno  le stesse anche tra cento anni. La situazione è identica e tutti dovrebbero concordare sul fatto che una occasione dovrebbe trasformarsi in un gol. Se avevo cinque occasioni facevo cinque gol, se ne avevo sette ne segnavo sette”. (it.uefa.com)

Vienna, 1913. La capitale dell’Impero austro-ungarico è una autentica polveriera politico-sociale. Tra le sue strade un pezzo di storia del Novecento: Freud, Stalin, Trockij, Tito e Hitler.

Qui nasce il 25 settembre 1913 Josef Bican, il più grande marcatore di tutti i tempi con 805 goal in competizioni ufficiali e 1468 reti a referto contando anche le amichevoli. Unico giocatore ad aver militato e segnato in tre diverse nazionali.

Un campione quasi del tutto dimenticato, emblema di un momento storico tragico, la cui carriera reca le ferite di un secolo caratterizzato da cambiamenti improvvisi e assurde atrocità. Un giocatore sul quale sono nate leggende, dalle cinquemila reti ai numeri spettacolari in allenamento in cui colpiva dal limite dell’area una serie di bottiglie posizionate sulla traversa.

Figlio di Frantisek, boemo di Sedlice, giocatore dell’Herta Vienna, e Ludmila, viennese di origine cecoslovacca, passa l’infanzia nell’indigenza e nella sofferenza. A otto anni perde il padre, dopo un tremendo scontro di gioco. Il lavoro della madre nel dopoguerra permette la sola sopravvivenza. Il giovane Josef detto “Pepi” corre scalzo dietro il pallone, il suo grande amore. Si forma nelle categorie giovanili dello Schustek e del Farbenlutz e a 18 anni firma il suo primo contratto da professionista con il Rapid Vienna, il club più importante della città.

Con il tempo matura una raffinata sensibilità in entrambi i piedi che ne fanno un finalizzatore spietato,  supportato  da  una  velocità  impressionante  (100  metri  in  10,80  secondi)  e  da una struttura fisica possente (178 cm, 77 kg). Il tutto unito ad una forza di volontà senza eguali.

Il suo stipendio arriva in solo due anni alla considerevole cifra di 600 scellini. A 20 anni, il 29 novembre 1933, esordisce nella nazionale austriaca, il Wunderteam. L’anno successivo partecipa ai Mondiali italiani e segna una rete decisiva ai supplementari degli ottavi di finale contro la Francia. In totale con la maglia austriaca disputa 19 incontri con 14 reti a referto. Nel 1935 lascia il Rapid Vienna, con all’attivo 68 reti in 61 presenze, un campionato e un titolo di capocannoniere. Si trasferisce al SK Admira Vienna dove continua a vincere e segnare: due campionati (1936, 1937) e 22 goal in 31 partite.

Nel 1937 va in Cecoslovacchia allo Slavia Praga. Lascia l’Austria ormai vicina all’Anschluss e sfugge al regime nazista, rifiutando di vestire la maglia della Germania. Ritorna nella sua terra d’origine, nella quale era solito trascorrere le vacanze estive in tenera età. Prende la cittadinanza ma non può giocare i Mondiali del 1938 con la selezione cecoslovacca per un cavillo burocratico. Farà il suo esordio il 7 agosto 1938, mettendo a segno una tripletta contro la Svezia.

In seguito all’occupazione nazista, veste la maglia del nuovo Protettorato di Boemia e Moravia. Il12 novembre 1939, nel match dal roboante risultato di 4-4 tra Boemia-Moravia e Germania, Josef mette a referto 3 reti, diventando il  primo e finora unico giocatore ad aver segnato con tre nazionali diverse.

Bican è fin da subito il simbolo della polisportiva dello Slavia Praga, senza dubbio la squadra della sua vita. I tifosi estasiati lo chiamano “il cinico”. Negli undici anni in cui milita tra le fila dei Červenobílí segna 385 goal in 204 partite di campionato, vince 4 campionati di Boemia-Moravia (1939-40, 1940-41, 1941-42, 1942-43), un campionato cecoslovacco (1946-47), 3 Coppe di Cecoslovacchia (1941, 1942, 1945), una Mitropa Cup (nel 1938, capocannoniere con 10 goal) e

10 titoli di capocannoniere (6 del campionato di Boemia-Moravia nel 1938-39, 1939-40, 1940-41,1941-42, 1942-43, 1943-44 e 4 del campionato cecoslovacco nel 1937-38, 1945-46, 1946-47 e 1947-48).

Al termine della seconda guerra mondiale molte squadre europee, tra cui la Juventus, lo desiderano. “Pepi” male informato rifiuta il trasferimento in Italia in quanto teme l’avvento di un governo comunista. Sorte che invece tocca proprio alla Cecoslovacchia. Difatti, nel 1948 il partito comunista, con l’appoggio dell’Unione sovietica, prende il potere. Come già fatto nei confronti del nazismo,  rifiuta  di  aderire  al  partito.  Per  tale  ragione  Bican  e  la  sua  famiglia  vengono emarginati e subiscono il sequestro di diverse proprietà.

Per migliorare la sua reputazione di fronte al regime lascia lo Slavia Praga, club di tradizione borghese, e firma per il Sokol Vítkovice Železárny, squadra delle acciaierie di Ostrava con un largo seguito popolare. Vi milita per tre anni, vincendo l’ennesimo titolo di capocannoniere nel 1950. Successivamente, si trasferisce in seconda divisione allo Cargo Multi Giovane Dunkelgrün Con Stretch Pantaloni Jeans Biker Uomo Fit Da Distrutti pocket Pants Camo Denim Škoda Hradec Králové, disputando solo pochi incontri. Su pressione del partito comunista è infatti costretto a lasciare la squadra per la sua crescente e pericolosa popolarità tra la popolazione locale.

Nel 1953 ritorna allo Slavia Praga, rinominato allora in Dynamo Praga, dove gioca fino a 42 anni, con 29 presenze e 22 goal. A fine carriera, nel 1955, nessun onore gli è concesso e viene mandato a lavorare come operaio alla stazione ferroviaria di Holešovice.

Intraprende poi la carriera di allenatore senza particolare fortuna. Muore il 12 dicembre 2001 a Praga, a 88 anni. Ricordato come uomo umile ma sicuro di sé, è stato sempre lontano dalle ideologie totalitarie del tempo. Venerato dal pubblico e osteggiato dai poteri forti, Josef “Pepi” Bican ha scritto soprattutto negli anni bui della seconda guerra mondiale pagine leggendarie di storia del calcio, forse per questa ragione dimenticate troppo in fretta.

Calcio

Published

on

In occasione del Derby della Capitale vi raccontiamo di quella volta in cui Roma e Lazio giocarono con la stessa maglia. E fu per un motivo davvero speciale.

Il derby, la madre di tutte le partite, gara che spesso può cambiare il verso di una stagione negativa. Ma non sempre Roma e Lazio sono scese in campo insieme per darsi battaglia. Nella storia infatti non sono stati rari i momenti in cui per motivi diversi le due compagini capitoline sono state chiamate ad unirsi per formare un’unica rappresentativa dell’Urbe. Roma e Lazio con la stessa divisa, gli stessi colori e la stessa porta da difendere, quella che sembra una storia assurda è in realtà quanto accaduto soprattutto nella prima metà del novecento a scopo propagandistico.

Tuttavia, la partita a ranghi unificati più celebre è quella del 18 novembre 1979 data in cui fu organizzata una amichevole mista Roma e Lazio in occasione della tragica morte del tifoso biancoceleste Vincenzo Paparelli. L’evento ribattezzato “Derby dell’amicizia” fu organizzato dalle due società con l’intento di raccogliere fondi per la famiglia dello sfortunato tifoso laziale. Agli ingressi dello stadio furono distribuiti migliaia di garofani con un cartellino che riportava una scritta: “Se proprio vuoi, lancia un fiore”. I giocatori si divisero nella squadra dei romani e del resto d’Italia allenate rispettivamente dai tecnici Lovati e Liedholm e con i simboli dell’aquila e del lupetto stilizzato cuciti nella stessa divisa. La gara terminò 2-1 con doppietta di Pruzzo ma ai circa 19.000 spettatori presenti del risultato importò poco o niente.

RICORSI STORICI

Maggiore competitività fu registrata in occasione della prima sfida mista della storia che ebbe luogo nel 1928 allo Stadio Nazionale davanti a circa 20.000 spettatori. La selezione romana affrontò l’allora corazzata del calcio ceco, il Viktoria Zizkov in una gara terminata 4-2 per i capitolini grazie ai gol di Volk (doppietta), Fasanelli e Pardini. Il successo dall’alto valore propagandistico per il regime mussoliniano spinse gli organizzatori a replicare l’iniziativa anche l’anno successivo. Così nel 1929 nel contesto di una tournée di squadre straniere in Italia che interessò anche Milano, Bologna e Genoa la Rappresentativa di Roma sfidò sempre allo Stadio Nazionale l’Hungaria perdendo 4-3.

Dopo altre sfide simili tra cui una contro i militari dell’English Army, romanisti e laziali scesero di nuovo in campo insieme nel 1973 quando Giorgio Chinaglia e Pierino Prati, accantonata la rivalità che li vedeva bestie nere delle rispettive avversarie, sfidarono l’Armata Rossa del Cska Mosca. Il risultato fu ancora deludente: 1-0 per i sovietici di fronte a 50.000 spettatori amareggiati dalla prestazione sotto tono fornita dall’attacco capitolino. Fu di fatto la penultima occasione di assistere ad una gara a ranghi unificati, prima del derby dell’amicizia di sei anni dopo, e fornì un esito assai insoddisfacente. Con buona pace del boss dei procuratori Mino Raiola che nel 2013 suggerì la fusione di giallorossi e biancocelestiper creare una squadra forte al posto di due deboli”. Una provocazione o un consiglio serio da prendere in considerazione? Una via di mezzo, sta di fatto che le reazioni delle due tifoserie alla proposta di un esperimento spesso proposto e sempre abbandonato sono state tutt’altro che gradevoli. Roma e Lazio non sono adatte per stare insieme, la storia ce lo ha dimostrato.

Continua a leggere

Calcio

Published

on

Il derby non è mai una partita normale. Figuriamoci quello di Roma. Ecco 5 episodi incredibili che hanno caratterizzato la storia della stracittadina capitolina.

Dimenticate il 29 aprile 2007. In questa data si gioca uno dei derby della Capitale più brutti di tutti i tempi che vede Roma e Lazio spartirsi uno 0-0 sotto un sole cocente in una partita noiosa e caratterizzata anche da un innaturale silenzio delle due curve, entrambe in protesta contro le decisioni dell’allora prefetto Achille Serra. A parte qualche incidente di percorso, però, la stracittadina di Roma ha sempre saputo offrire uno spettacolo formidabile al punto da consentirle di sbarcare nelle case di oltre 170 paesi in tutto il mondo. Il derby di Roma è infatti per natura distante da quell’assolato pomeriggio di aprile che deluse le tifoserie di entrambe le sponde. L’imprevedibilità fa da padrona e in effetti non sono pochi gli episodi bizzarri che hanno segnato questa partita in quasi 90 anni di storia. Ne abbiamo selezionati cinque, li conoscevate tutti?

La scazzottata del 1931

Squalifica del campo per Roma e Lazio, multa di 3.000 lire ad entrambe le società, quattro gare di squalifica al romanista De Micheli e tre a Bernardini (Roma) e Ziroli (Lazio). Un bottino niente male quello del derby di Roma giocato il 24 maggio 1931 e tutto per colpa di una rimessa laterale. Sul risultato di 2-2, la notizia del vantaggio della Juventus scuote i giallorossi che iniziano ad accelerare per trovare la via del gol vittoria. Nei minuti finali la palla esce dal rettangolo di gioco, il terzino giallorosso De Micheli si affretta per riprendere il gioco ma il presidente della Lazio Giorgio Vaccaro scaglia la sfera lontano. E’ la miccia che rompe un già fragile equilibrio: De Micheli si avventa contro il generale e gli rifila un pugno che innesca una rissa sul campo e sugli spalti. Sarà necessario l’intervento della polizia a cavallo per sedare gli animi, è il primo episodio di violenza della storia del derby di Roma.

Il doppio voltafaccia

Nell’estate del 1934 lo storico capitano della Roma Attilio Ferraris IV fu ceduto alla Lazio con la clausola di non giocare il derby pena il pagamento di una multa di 25.000 lire. Un salvataggio in corner della società per tentare di rimediare al danno ma un’ulteriore beffa è in arrivo. Il 18 novembre del 1934, data del derby di andata, la Lazio decide all’ultimo minuto di pagare la multa e di far scendere in campo Ferraris. All’ingresso in campo, i tifosi giallorossi accolgono l’ex beniamino con il coro “Venduto, venduto” mentre i laziali rispondono con un beffardo “Comprato, comprato”. Ma i tifosi di entrambi gli schieramenti non possono immaginare un retroscena: pare che alcuni giocatori si fossero radunati prima della gara per truccare il risultato: 1-1, come da copione.

La Lazio paga il buio

Non da una rete o da una parata, il derby della fase a gironi di Coppa Italia del 7 novembre del 1969 viene deciso in tribunale. Eppure un gol la Roma lo aveva fatto e il marcatore di quella (inutile) rete fu Peirò al 35’ con un grande gesto tecnico. A convincere l’arbitro Di Bello a sospendere la partita a soli 6’ dalla fine è un black out che lascia completamente al buio lo Stadio Olimpico. Nei giorni successivi, il giudice sportivo applica il principio della responsabilità oggettiva nei confronti del club biancoceleste che perde così la partita a tavolino per 2-0.

Multi Cargo Con Uomo Da Pants pocket Stretch Jeans Giovane Pantaloni Camo Biker Dunkelgrün Fit Denim Distrutti

 

La nevicata del secolo

Nel mese di marzo del 1956 l’Europa e in particolare l’Italia vengono investite da una ondata di gelo e da quella che sarà ribattezzata la “nevicata del secolo”. Il 4 marzo dello stesso anno allo Stadio Olimpico Roma e Lazio sono pronte a darsi battaglia in un derby che vale una buona fetta di stagione. A frenare il fischio d’inizio è proprio una furiosa nevicata che si abbatte sulla Capitale costringendo i giocatori a darsi appuntamento al mese successivo. Nell’insolito freddo polare, la Roma sudamericana di Ghiggia e Da Costa non si trova a suo agio come i biancocelesti guidati dagli scandinavi Selmosson e Præst che si imporranno nella gara di recupero per 1-0 con il gol di Muccinelli.

Gli spari dell’ex Petrelli

Il legame tra la Lazio degli anni ’70 e le armi è stata spesso confermata dagli stessi protagonisti. Una passione quella per le armi introdotta da alcuni giocatori, su tutti Sergio Petrelli, ex giallorosso, che alla vigilia di un derby delUomo Stretch Biker Da Pantaloni Dunkelgrün Cargo Pants pocket Con Multi Denim Fit Jeans Giovane Camo Distrutti ’74 si rende protagonista di un episodio bizzarro quanto pericoloso. Sotto l’albergo che ospita i calciatori biancocelesti, un gruppo di tifosi romanisti si raduna per dare fastidio e rovinare il sonno ai giocatori laziali. A prendere in mano drasticamente la situazione è lo stesso Petrelli che spara due colpi per spaventare il gruppetto di disturbatori colpendo un lampione nelle vicinanze. Il gesto convince i tifosi giallorossi a lasciare l’albergo, non era decisamente aria.

Continua a leggere

Calcio

Pants Jeans Con Multi Denim pocket Dunkelgrün Cargo Camo Distrutti Fit Uomo Pantaloni Da Stretch Giovane Biker Published

Dunkelgrün Giovane Pants Jeans Camo Stretch Denim Fit Multi Uomo pocket Cargo Pantaloni Biker Con Da Distrutti on

L’ottimo avvio di stagione del Napoli di Carlo Ancelotti non era così scontato come dice la classifica attuale: vice campione 2017-18 e saldamente al secondo posto in questo scorcio iniziale di campionato, unica squadra a dare l’impressione di poter rimanere in scia a una JuventusSlim Classica Business Grazioso Con Moda Cappotto Libero Lunga Button Stlie Tempo Autunno Colori Tailleur Fit Da Giacca Eleganti Primaverile Tasche Solidi Donna Grün Manica Blazer f0RFzF che sembra giocare le partite di Serie A col solo scopo di arrivare rodata e in forma per gli appuntamenti della Champions League.

Un risultato che, appunto, non può considerarsi scontato in ragione dell’avvicendamento in panchina che ha inopinatamente portato il “vecchio”, solido Carletto alla guida degli azzurri di De Laurentiis. La transizione della squadra, rimasta sostanzialmente immutata nei suoi elementi cardine, dal gioco scintillante ed estremo di Sarri verso quello più pragmatico del tecnico di Reggiolo costituiva probabilmente il maggiore ostacolo alla fiducia dei pronostici. Ostacolo abbattuto con prestazioni e risultati convincenti che, al netto della caduta con la Sampdoria, probabilmente catalogabile come mero incidente di percorso, collocano il Napoli in testa alla fila dei possibili inseguitori della Juventus, ancora poco credibili nelle loro fisionomie a corrente alternata spesso sul polo negativo.

A questi primi buoni riscontri del campo Ancelotti ci è arrivato coi suoi metodi flessibili, riorientando il modulo di base della squadra dall’originario 4-3-3 di matrice sarriana all’ultimo 4-4-2 applicato nella partita giocata al San Paolo col Parma. Scelta definitiva? Ce lo diranno le prossime gare, a cominciare da quella contro la Juventus, dove il fattore campo potrebbe nuovamente spingere gli azzurri a scegliere il sistema di gioco appreso da Ancelotti alla corte del suo primo mentore Sacchi, anche se rivisto e corretto. E, invero, c’è da chiedersi se il ritorno al 4-4-2, già modulo principe dell’Atletico Madrid di Simeone, non possa alla fine tornare prepotentemente di moda nel calcio italiano dopo quasi due decenni di ostracismo. Vent’anni nei quali gli allenatori hanno via via preferito il 3-4-3, il 4-2-3-1 e il 4-3-3 che oggi va per la maggiore.

Il 4-4-2 è un sistema molto equilibrato: abbinato a una buona preparazione fisica consente alla squadra di rimanere compressa in pochi metri e chiudere bene gli spazi di gioco in mezzo al campo, garantendo quindi una buona copertura ai difensori, ai quali è richiesta una particolare attenzione nella gestione del fuorigioco. Forse non è la sistemazione migliore per assalire l’inizio della proposta di gioco avversaria, anche se col sacrificio degli esterni alti il modulo può, nella prima fase di non possesso palla, trasformarsi in un 4-3-3 che lascia qualche metro in più nella distanza tra i reparti. Molto dipende dal livello di aggressività che preferisce applicare l’allenatore sui primi portatori di palla avversari.

Nel Napoli di Sarri il credo tattico era unico e assoluto e comportava un notevole dispendio di energie, visto anche il poco turn-over che applicava il tecnico volato a Stamford Bridge. Ancelotti, oggi, concede molto più spazio a tutti i componenti della rosa, garantendo quindi una minore concentrazione della fatica sulle risorse, incrementando di conseguenza la loro motivazione a partecipare più attivamente agli allenamenti infrasettimanali. Vedremo, dunque, se le scelte del tecnico azzurro, dogmatico solo nei primissimi anni della sua carriera, verranno modulate in funzione delle situazioni di gioco determinate dalle caratteristiche degli avversari oppure riconvertiranno definitivamente verso il 4-4-2 una squadra che sembrava potersi esprimere al meglio (Insigne docet) solo col 4-3-3.

Continua a leggere

Trending